31/10/2018 Articolo di

Halloween: feste da paura in giro per il mondo

Come si festeggia Halloween nel mondo? Da Londra a Hong Kong, ecco alcune delle celebrazioni “più spaventose” da vedere almeno una volta nella vita
Share

Halloween è arrivato anche quest’anno con il suo carico di dolcetti, leggende di fantasmi, costumi spaventosi e zucche intagliate!

Noi di Hoppete, con la nostra valigia piena di caramelle e scherzetti, non potevamo mancare ai festeggiamenti sparsi per il mondo.

Da dove nasce la festa di Halloween?

La parola Halloween ha origine probabilmente dalla frase “All Hallows Eve”, ovvero la notte di Ognissanti. Festeggiata il 31 ottobre, si pensa risalga  a una antica tradizione presente nell’Irlanda Celtica con la quale i cattolici sancivano la fine dell’estate e accoglievano l’arrivo dell’autunno. I colori simbolo di questa ricorrenza richiamano la mietitura: l’arancio è il tramonto e il nero il buio dell’inverno.

Anche la data non è casuale, il 31 ottobre era infatti considerato dai Celti un potente e magico momento di transizione: è in questo periodo che le barriere che separano il mondo dei  vivi e quello dei morti tendono a dissolversi, permettendo agli spiriti di vagare liberamente sulla terra per una notte.

Per non essere posseduti, l’unica soluzione è mascherarsi con orridi vesti, per risultare poco “appetitosi” agli occhi degli spiriti.

Al folklore irlandese si deve anche l’usanza di intagliare le zucche: narra una famosa leggenda che Jack, un fabbro avaro e ubriacone, per due volte riuscì a ingannare il diavolo e venne così costretto a trascorrere l’eternità come un’anima tormentata e senza alcuna meta,  facendosi luce nell’oscurità solo grazie a una rapa intagliata con all’interno un tizzone ardente. Da qui il nome Jack O’ Lantern, letteralmente “Jack della Lanterna”. Da allora gli abitanti di ogni paese appendono una lanterna fuori dalla porta per allontanare dalla propria casa quell’anima infelice e le altre anime erranti. La zucca ha poi sostituito la rapa perché gli immigrati irlandesi, fuggiti dalle loro terre per una carestia e arrivati in America, non trovarono rape grandi a sufficienza per essere scavate.

Come si celebra questa festa nel mondo?

Messico
I più grandi e spettacolari festeggiamenti sono sicuramente i Dia de los Muertos (“Il Giorno dei Morti”) che, pur non essendo una vera versione messicana di Halloween, condividono con la festa anglosassone alcuni riti e costumi popolari. Per i popoli dell’America Latina essi rappresentano una vera e propria cerimonia in onore dei propri defunti. Abiti coloratissimi, incredibili maschere che richiamano la forma dei teschi, musica e balli animano le città rendendo questi giorni di festa un evento da non perdere.

America
In America, in questo periodo dell’anno, grandi e piccini rendono il portico della propria casa il più spaventoso possibile (partecipando anche a veri e propri concorsi a premio) mentre i negozi registrano il più alto tasso di vendita di dolciumi in occasione del famoso Trick or Treat (“dolcetto o scherzetto?”).
A New York da non perdere sono: la spaventosa Halloween Extravaganza and Procession of Ghouls nella Cattedrale di San Giovanni il Divino, la crociera tematica Halloween Ghost Ship Cuirse, il Tour a lume di candela della “Casa infestata di Manhattan” e le 500 zucche intagliate del Everett Children’s.
A New Orleans, la capitale americana dei riti voodoo, Halloween rappresenta la festa locale più importante, seconda soltanto al Carnevale.
Qui è impossibile non prendere parte agli Haunted History Tours, ovvero le visite guidate alla scoperta delle storie e delle leggende locali più spaventose.

Cina
A Hong Kong c’è lo Yu Lan o “festival degli spiriti affamati” i quali, durante il settimo mese del calendario lunare,  vagano irrequieti per la terra. Per saziarli molte persone bruciano immagini di cibo o denaro.

Londra 
La capitale britannica è, senza dubbio, una delle più belle destinazioni per trascorrere la Festa dei Morti: si può partecipare alle serate a tema organizzate in pub e locali, andare a in giro a bordo di “bus fantasma”, visitare le attrazioni horror delle London Tombs e andare a caccia di alcuni dei più terribili fantasmi mai narrati.

Slovacchia
In Slovacchia non ci sono vere e proprie celebrazioni ma, prima di andare a dormire, vengono posizionate davanti al camino di casa tante sedie quanti sono i membri della famiglia ancora in vita e quelli defunti.

Germania
Una curiosa tradizione di questo paese, in occasione di questa ricorrenza, è quella di riporre i coltelli in modo che gli spiriti dei defunti, rientrando in casa, non possano ferirsi.

E voi, come trascorrerete il vostro Halloween?