16/01/2019 Articolo di

Mostri scozzesi e dove trovarli: i Kelpies

La Scozia è una terra di leggende e quelle sui mostri acquatici sono certamente le più note. Ma da dove hanno origine queste storie?
Share

Siete in Scozia, è notte e state guidando mentre una leggera pioggerellina bagna il parabrezza della vostra auto. A un tratto delle strane luci all’orizzonte catturano la vostra attenzione. Avvicinandovi un brivido vi sorprende: ecco presentarsi davanti ai vostri occhi le teste di due enormi mostri. Saranno di almeno 30 metri, pensate.

Il cuore rallenta soltanto nel momento in cui realizzate che si tratta dei “Kelpies”, una coppia di gigantesche opere d’arte a forma di teste di cavallo realizzate dall’artista Andy Scott nella città di Falkirk.

Queste due installazioni permanenti sono costruite interamente in acciaio e vantano un peso complessivo di ben 600 tonnellate! Nel progetto originale le teste avrebbero dovuto essere mobili, ma l’idea fu accantonata per non mettere in pericolo gli automobilisti. La loro spettacolarità non è stata intaccata e il gioco di luci inserite all’interno le ha rese una delle attrattive più affascinanti della zona.

Il Kelpie è, nel folklore popolare celtico, uno spirito maligno in grado di assumere la forma di un cavallo bianco. Leggenda narra che questo mostro infesti laghi e fiumi scozzesi e irlandesi.

Per tradizione questa sorta di demone potrebbe, in qualche modo, essere paragonato al nostro “uomo nero”. In tempi passati i genitori preoccupati che i propri bambini potessero annegare, raccontavano loro di non giocare vicino all’acqua per non essere divorati da questa bestia.

Alla luce di ciò, è molto probabile che i leggendari Kelpies altro non siano che i progenitori di alcuni ben più noti mostri acquatici di Scozia.

Vieni a vederli con noi?