03/07/2019 Articolo di

Mauritius: “avventure dello zucchero”

Una visita al particolare museo di Mauritius!
Share

Nell’immaginario comune, Mauritius è un paradiso di spiagge bianche e mare azzurro che si perde all’orizzonte, ma la “perla” dell’Oceano Indiano offre anche un entroterra estremamente affascinante.

Immerse in una varietà di paesaggi naturali mozzafiato – caratterizzati da rilievi vulcanici, orizzonti infiniti che raggiungono l’oceano, cascate, giardini tropicali e parchi naturali – si trovano delle incredibili Rhumerie!

La storia del rum, la bevanda alcolica tipica dell’isola, si lega in maniera indissolubile a quella degli abitanti di Mauritius.

Il “Museo delle avventure dello zucchero” si trova a Pamplemousses e racconta la storia dell’industria dello zucchero a Mauritius, significativo pilastro del successo economico dell’isola.

Introdotta a Java dai primi coloni nel 1639, la canna da zucchero permette di produrre alcool per distillazione. Visitare questo museo consente di fare un salto indietro nella storia fino alla genesi dell’isola attraverso la conoscenza di quest’erba originaria dell’Oceania, per poi giungere alla produzione del rum.

Ma qual è il processo di produzione di questa nota bevanda alcolica?

La prima tappa è tagliare le canne e macinarle, il succo che ne si ottiene viene aggiunto al latte di calce che ha l’effetto di aggregare le sostanze zuccherine che vengono utilizzate come fertilizzanti. Il succo che ne resta viene immerso in alti cilindri dove vengono fatti evaporare i liquidi rimasti. Il succo ottenuto viene nuovamente riscaldato e shakerato, mentre i cristalli di zucchero rimangono nel contenitore e lo sciroppo esce.

Nasce così il rum!

Il museo dello zucchero è multimediale, perfetto da vedere anche con i bambini!